Visita all'Abbazia di Montetiffi

ABBAZIA MONTETIFFI

Antica abbazia benedettina del Montefeltro
Nel XVII secolo, il poetata e abate Belmonte Cagnoli così scriveva : “La chiesa di Montetiffi è la migliore e la più ricca di quante mai ne fossero state sino a quel tempo. Nulla colà mancare che la benignità del cielo e della terra somministrar potesse ai bisogni ed usi degli uomini. Ivi salubrità somma di aere, limpidezza, freschezza e perennità di fiumi e di fonti. Ivi campagne amene d’ogni varietà di erbe e di fiori rivestite : ivi palagi bellissimi eretti sopra vaghe colline, donde lo sguardo spaziava piacevolmente per le varie e belle scene delle sottoposte vallate. Ivi eccellentissimi doni di Bacco, ivi, insomma, trovarsi ogni bene, ogni delizia di natura e però ivi essere fermo di collocarvi perpetua stanza, ivi voler vivere, ivi morire

BREVE STORIA DELL'ABBAZIA

L’esistenza di un importante luogo di culto a Montetiffi risale al 1057.  Nel 1089, gli abitanti del borgo (una trentina di famiglie) proprietari di questo tempio cristiano, vollero donarlo ai monaci benedettini.

La chiesa divenne quindi un’Abbazia, sviluppandosi sul lato sud del monte con locali e orti.  Nel 1371, il card. Anglico, descrive Montetiffi cinto da mura, con trentacinque fuochi (circa 175 abitanti). I monaci benedettini rimasero fino al 1444 quando l’Abbazia fu unita a quella di Deciano. Entrambe passeranno all’Ordine Camaldolese per essere poi, con Pietra dell’Uso, date in commenda ai conti Guidi di Bagno, signori di Montebello. Nel corso dei decenni la chiesa e il borgo vivranno una inarrestabile decadenza.

Accesso chiesa Abbazia Montetiffi
 
L'accesso alla chiesa
dell'Abbazia avviene attraverso
una scala in pietra modificata rispetto
alle due scale originarie



Il cortile interno dell'Abbazia,
oggi ingresso al Museo dedicato
ad Agostino Venanzio Reali,
prete cappuccino poeta ed artista
Interno Abbazia Montetiffi

Nel 2010, su progetto dell’architetto Stefano Campana, e stato completato il restauro più importante del complesso abbaziale e dell’attigua canonica che ospita il Museo dedicato a Padre Venanzio Reali un prete cappuccino, poeta ed artista di Montetiffi.

Durante la mia visita il museo era chiuso, ma forse è possibile visitarlo su prenotazione. Il cartello turistico esterno indica che all’interno viene conservata una collezione di opere, prevalentemente a tema sacro, che il prete ha realizzato nel corso della sua vita; si tratta di manufatti in terracotta e creta, disegni e quadri.

VISITA ALL'ABBAZIA DI MONTETIFFI

Il piccolo centro abitato di Montetiffi sorge su uno sperone roccioso in un tranquilla e poco conosciuta valle del Montefeltro.

Nel punto più altro dello sperone roccioso, chiamato Monte Tiffo, sorge l’Abbazia benedettina, un edificio romanico in pietra estremamente semplice e lineare nel suo aspetto esterno, edificio accompagnato da un alto campanile quadrangolare.

La chiesa è dedicata a San Leonardo che in seguito ad alcuni episodi della sua vita, fu eletto come protettore dei carcerati e delle partorienti.

Una scalinata esterna centrale introduce nel vestibolo della chiesa, che risulta più basso rispetto al piano della chiesa e questo perchè ricostruito dopo un terremoto che danneggiò parte dell'edificio religioso..

Attraverso uno stretto passaggio si passa dal vestibolo all'interno della chiesa che si presenta ad unica navata con una pianta a croce latina. Anche questa chiesa romanica ha un grande fascino che, secondo me, è dato dal fatto di essere di nuda pietra, essenziale, senza sovrastrutture. La particolarità sta nell’assenza di una cripta e di un presbiterio sopraelevato tipico della maggioranza delle chiese romaniche, probabilmente dovuto al fatto che la chiesa sorge sulla nuda roccia.
ingreso chiesa Abbazia Montetiffi
Ingresso alla chiesa dal vestibolo
interno chiesa Abbazia Montetiffi
Interno della chiesa dell'Abbazia


Le due cappelle laterali sono state realizzate successivamente nel XVII secolo.

Particolare anche il tetto che in origine era tutto in pietra ma in seguito ad un terremoto che fece crollare una parte, fu ricostruito a capriate in legno.

L’altare è forse l’unico elemento con diverse decorazioni in stile barocco che rappresentano figure vegetali. Sono anche gli epigrafi, distribuiti in diversi punti della chiesa, quelli più antichi sono nel transetto e risalgono al 1120.

Non mancano gli affreschi che sono stati realizzati e ripresi in diversi periodi, sono principalmente dedicati ai Santi come lo stesso San Leonardo, San Bernardino, San Giovanni Battista, ecc. oltre uno più esteso e incentrato sulla Madonna.

Su un lato interno della chiesa, è presente una galleria, oggi utilizzata per raggiungere il coro dove un tempo si trovava anche un organo trafugato agli inizi del 1900.

altare chiesa Abbazia Montetiffi
L'altare della chiesa dell'Abbazia
con decorazioni in finto marmo
che rappresentano elementi floreali



Diversi gli affreschi presenti nella chiesa
in cui prevalgono le figure di Santi
tra cui quello che rappresenta un
momento della vita San Leonardo

affreschi chiesa Abbazia Montetiffi

BORGO DI MONTETIFFI

Come spesso avviene, intorno alle abbazie nascono dei piccoli agglomerati o borghi, Montetiffi non è da meno. Il borgo è decisamente piccolo e si sviluppa su due brevi strade/vicoli. Nulla di particolare, molte le abitazione che sono state ristrutturate anche recentemente, poche quelle che hanno conservato l’architettura di un tempo.
borgo di Montetiffi
Veduta del piccolo borgo di Montetiffi,
poche case, pochi abitanti
Va segnalato che in questo piccolo paesino è o meglio era, presente una tradizione molto conosciuta nella terra di Romagna ; la produzione delle teglie in terracotta su cui cuocere la piadina romagnola.
Questo tegame, quasi sconosciuto fuori da questa zona, veniva qui prodotto da molte famiglie da tempi memorabili che qui la lavorazione avveniva avvalendosi di procedure rispettose delle tradizioni tramandate da padre in figlio.


Oggi questa antica attività è ormai scomparsa a favore di processi produttivi più industriali lontani da Montetiffi.  Oggi è ancora possibile visitare un laboratorio che realizzava queste teglie.
Esso si trova alla fine della strada che dall’Abbazia scende verso il borgo. Un semplice cartello indica la casa e il laboratorio di Giovannino uno degli ultimi produttori di questo tegame.
Laboratorio produzione teglia di Montetiffi
Dimostrazione da parte di Giovannino,
di come veniva lavorata l'argilla assieme
alla terra nera. Spostando il peso del corpo si agisce su questa specie di altalena dove
su un lato è presente un maglio necessario
per pressare l'impasto e renderlo
omogeneo e duttile alla lavorazione



Tavolo di lavoro per la preparazione
dell'argilla con alcuni utensili
oltre ad alcune teglie già pronte

esempi di teglie di Montetiffi
Giovannino è una persona molto disponibile, fiera di questo lavoro che ha ereditato da suo padre e che l’ha occupato per moltissimi anni.
Non fatevi scrupoli a contattarlo, lui sarà felice di farvi visitare il laboratorio che conserva come una reliquia con arredi, attrezzi originari, strumenti di lavoro, fotografie, ecc.

Un tuffo nel passato in un mondo molto lontano dal nostro, testimonianza di un passato destinato a scomparire.
foto cottura teglie Montetiffi
Foto storica dell'ultima fase di lavorazione, 
l momento della cottura del tegame in terracotta nella fornace 
foto lavorazione teglie Montetiffi
Foto storica di un momento della lavorazione

PONTE ROMANICO DI MONTETIFFI

Non lontano dall’Abbazia di Montetiffi, lungo il torrente che scorre nella stessa valle, è possibile vedere un antico ponte Romanico che si trova lungo “Il Cammino di San Vicinio”.  Per raggiungere il punto basta seguire la segnaletica turistica che si trova anche lungo la strada provinciale

Un manufatto costruito intorno all’anno mille in pietra concia con arco a tutto sesto, punto di collegamento fra le terre di Romagna e il Montefeltro. Accanto al ponte si trovano i ruderi di un molino. 

Nello stesso punto si può ammirare l’azione abrasiva dei ciottoli della corrente che hanno scavato nella roccia creando il fenomeno definito come le Marmitte dei Giganti, fenomeno naturale presente in molti altri luoghi.

Ponte romanico nei pressi di Montetiffi
Ponte romanico nei pressi di Montetiffi
Marmitte dei giganti a Montetiffi
Marmitte dei Giganti 

ARTICOLI CORRELATI

Abbazia
di Pomposa

visita all'abbazia di Pomposa
Visita alla bella abbazia di Pomposa risalente al VI-VII secolo con la sua chiesa ricca di affreschi e mosaici e l'attiguo monastero

Sacro Monte
di Varallo

visita al sacro monte di varallo
Visita al Sacro Monte di Varallo arroccato su uno sperone roccioso, sito riconosciuto come bene d’interesse mondiale dall’UNESCO 

Abbazia di
Fontevivo

facciata abbazia Fontevivo
Antica abbazia cistercense sita nel piccolo e tranquillo comune di Fontevivo nella pianura parmense tra Parma e Fidenza

Barocco
Andino

Il barocco andino in Perù
Incontro con il Barocco Andino nel corso di un viaggio alla scoperta del Perù. Visite ad alcune chiese lungo la strada Puno - Cusco

VIAGGI ALISEI IN EVIDENZA

  • Il fascino e i colori africani

    Dettagli...
  • Gli scenari naturali americani

    Dettagli...
  • Gli splendidi arcipelaghi asiatici

    Dettagli...
  • La bellezza delle isole greche

    Dettagli...

TI POTREBBE INTERESSARE

Borghi

di Alisei

Album

di Roberto

Viaggi

di Alisei

Video

di Alisei


NEWSLETTER di ALISEI


Registrandoti alla Newsletter riceverai aggiornamenti sui viaggi e sui post di Roberto








ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

Facebook

Il nostro sito Web ti consente di apprezzare o condividere i suoi contenuti sul social network Facebook. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Facebook: https://www.facebook.com/policy/cookies/

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

PInterest

Il nostro sito Web ti consente di condividere i suoi contenuti sul social network PInterest. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di PInterest: https://policy.pinterest.com/it/privacy-policy/