Sardegna - racconto del viaggio

Il viaggio che descritto di seguito si è limitato alla costa nord e nord-est della Sardegna. In 10 giorni di soggiorno non si poteva fare molto di più. La base d’appoggio da cui partire ogni giorno per una destinazione/zona diversa (spiaggia, costa, interno, ecc.) è stata la struttura per il turismo rurale denominata il Borgo di Campagna a Trudda la Castagna, una piccola località a sud di Olbia. La struttura si trova in una zona rurale poco abitata, immersa nel verde della bassa Gallura in posizione panoramica sul fianco di una dolce collina. Struttura tranquilla, semplice ed essenziale dalla buona cucina sarda. 

Il periodo dell’anno scelto per questa vacanza è stato l’inizio di giugno, momento in cui ci le giornate sono più lunghe, i turisti sono veramente pochi con la possibilità di trovare spiagge o cale poco frequentate se non completamente deserte. Di contro c’è la temperatura del mare che in quel periodo risulta essere ancora freddino. La Sardegna è all’altezza della sua fama che la vede come uno dei luoghi marini più belli del Mediterraneo. Le sue coste presentano tutte le varietà possibili, spiagge di sabbia completamente bianca tanto da sembrare corallina come nei mari tropicali alternata a rocce colorare con tutte le sfumature del rosso. Non mancano le baie rocciose piccole e grandi a volte nascoste o difficili da raggiungere da terra le quali, una volta raggiunte, ripagano lo sforzo attuato per trovarle. In qualsiasi zona il mare è sempre splendido con colori profondi e intensi dove è presente la roccia e con colori più tenui e cristallini lungo le spiagge sabbiose. La costa nord intorno a Palau e a S. Teresa di Gallura è la più selvaggia, maggiormente battuta dai venti con il mare spesso mosso però ricca di insenature e luoghi isolati. Splendide sono l’isola della Maddalena e la vicina Caprera esempio di natura selvaggia e aspra allo stato puro. Scendendo verso est si incontra la famosa Costa Smeralda con le rinomate località mondane e d’elite come Porto Cervo, Baia Sardinia, ecc.

Per chi cerca qualcosa di diverso basta poco per uscire da questo ambito per ritrovarsi nuovamente nella natura e nella tranquillità. Romazzino, Cala Razza di Giunco e Capriccioli rappresentano spiagge di notevole bellezza. Proseguendo lungo la costa verso sud troviamo Porto Rotondo e Marinella per poi raggiungere il Golfo degli Aranci alla cui estremità si trova una cala molto interessante, Cala Moresca.
La costa nord-est prosegue con la presenza della Tavolara, maestosa isola rocciosa, ben visibile da tutte le belle spiagge di questo tratto di Sardegna come quella di sabbia bianca di Porto Istana, Villaggio S. Paolo, Capo Coda Cavallo con la sua caratteristica penisola, ecc.
La Sardegna va girata e visitata in lungo e in largo per poter apprezzare tutta la sua bellezza, anche l’interno riserva piacevoli sorprese come la “valle della Luna”, scorci caratteristici di rocce dalle forme più svariate a seguito dell’erosione degli elementi o piccoli paesini caratteristici in grado di raccontare com’era la vita di un tempo.