Zante - racconto del viaggio

Home Zante    

Zante si presenta come un'isola dalla forma simile ad un triangolo, percorsa da montagne impervie ad ovest per poi degradare verso est sino ad un'ampia e verde pianura. L'isola offre molte opportunità al turista sia che prediliga località o spiagge movimentate con una intensa vita notturna che località tranquille dove trascorrere giornate all'insegna del relax. Dal punto di vista naturalistico, Zante propone una buona varietà zone brulle e zone dal verde intenso, coste lunghe e sabbiose e tratti rocciose sempre lambite da un mare cristallino. Le dimensioni contenute permettono di visitarla facilmente grazie ad una buona rete stradale che ha come pecca la tragica scarsità di segnaletica. Seguendo la morfologia delle coste si può pensare di dividere l'isola in 5 zone.


Costa est

E' il tratto di costa che si sviluppa a nord della città di Zante in cui spicca la cittadina di Alykes che assieme ad Alykavas rappresentano il secondo centro turistico dell'isola. Lo sviluppo turistico è dovuto alla presenza di una costa bassa con diverse spiagge sabbiose che si sviluppano intorno ad una tranquilla baia. A nord di Alykes inizia la zona montuosa dove la costa pur non essendo molto alta è comunque impervia e con pochi spazi per la balneazione. Verso la parte più a nord quindi vicini alla punta settentrionale dell'isola si trovano le famose Blue Caves, grotte marine percorribili con piccole imbarcazioni, molto caratteristiche. E' il tratto che si sviluppa a sud della città di Zante. Inizialmente si presenta con poche aree di balneazione benché la costa si abbastanza bassa, poi, proseguendo verso sud, offre diverse spiagge di sabbia chiara, ampie, ben attrezzate e facili da raggiungere come Porto Roma, Azzurro, Banana, ecc.


Costa ovest

Interamente rocciosa, praticamente senza spiagge (salvo qualche rara eccezione), un continuo di ripide e alte pareti a picco sul mare un grande spettacolo naturale che può essere visto solo dal mare. L'erosione del mare su questo tipo di roccia disegna piccole e grandi caverne e grotte, insenature, promontori, spaccati e faraglioni. La perla di questa costa e dell'intera isola è la famosissima "spiaggia del naufragio" una piccola e unica spiaggia di sabbia incastonata tra alte pareti rocciose che sembrano volerla proteggere da sguardi indiscreti, uno spettacolo veramente coinvolgente dato sia dalle imponenti pareti rocciose che dai forti contrasti di colore tra sabbia chiara, rocce e mare. Sulla spiaggia il relitto di una nave di contrabbandieri di sigarette naufragata nelle acque antistanti nel 1983, con il passare degli anni il relitto è stato piano piano circondato e inglobato dalla sabbia. Questa meraviglia va assaporata sia dall'alto (una facile strada interna porta un punto panoramico) sia da mare utilizzando le svariate escursioni che tutte le agenzie propongono.


Costa sud

Si tratta della costa più frequentata dai turisti in quanto sono presenti lunghe spiagge sabbiose. Laganas è il centro balneare più noto nel quale moltissimi giovani si ritrovano e si lasciano andare a lunghe notti nei molti locali notturni e discoteche presenti in questa cittadina. Il mare di Laganas non è dei migliori, la spiaggia cittadina ha spazi ridotti dove i bagni e i lettini sono uno a fianco dell'altro in un contesto di confusione e musica ad alto volume. Non tutta la costa sud è così, ad ovest le cose cambiano, spiagge più tranquille con mare calmo e acque cristalline si susseguono fino a Keri.  Il tratto più ad est di questa costa è noto per alcune spiagge dove le tartarughe "Caretta-Caretta" depositano le uova. I nidi sono costantemente seguiti da volontari che si occupano di informare i turisti ed evitare che le uova subiscano dei danni.


Interno isola

L'interno è alquanto vario dal punto di vista della vegetazione, si passa facilmente da tratti rocciosi e aridi a zone dalla ricca vegetazione mediterranea con molti cipressi. La zona più montuosa si sviluppa da nord a sud seguendo quella che è la costa ovest dell'isola. All'interno piccoli e piacevoli paesini scarsamente abitati da una popolazione in prevalenza anziana sempre accogliente e disponibile nei confronti del turista. In queste zone si vive prevalentemente di turismo e di semplice artigianato basato sulla lavorazione di tappeti. Dato il clima e le condizioni del terreno l'agricoltura è basata prevalentemente sull'ulivo, viaggiando nelle strade interne si incontrano continuamente uliveti con piante secolari dai caratteristici tronchi contorti. Unica vera città dell'isola e Zante città, una città con una struttura a strade ortogonali tra loro. Il centro molto turistico ospita svariati negozi, locali e ristoranti. Anche la zona del porto è ricca di ristoranti tipici che offrono del buon pesce. per chi cerca dei riferimenti al poeta Ugo Foscolo, che nacque proprio a Zante, rimarrà un po' deluso, l'unica traccia presente è dove sorgeva la sua casa natale (oggi non c'è più) ricordata da un piccolo cenotafio con una scultura. Bohali è il nome del castello veneziano che domina la città e ricorda quello che era l'antico borgo cittadino che in realtà non era sul mare per ovvi motivi di difesa dalle incursioni turche. Vale la pena di raggiungere il borgo da dove è possibile godere di una bella vista di tutta la città e la baia antistante.