BORGO MEDIEVALE DI
CALCATA
(Viterbo - Lazio)

.
.
.
.
.
.

Il borgo medievale di Calcata viene spesso definito come un luogo “magico” cosa che confermo dopo averlo visitato. Il fascino di questo borgo è dato è un insieme di elementi che lo caratterizzano, la sua incredibile posizione su uno sperone di tufo, le sue case a strapiombo sul burrone che lo circonda, il contesto naturale lussureggiante delle colline circostanti, il silenzio che pervade i suoi vicoli e le case che hanno mantenuto il fascino del borgo storico.
inquadratura dall'alto borgo di Calcata
Una inquadratura dall'alto del borgo di Calcata

CENNI STORICI SU
CALCATA

Le origini di questo piccolo agglomerato di case non sono certe. La presenza nelle vicinanze di alcuni resti di un tempio e di una necropoli della civiltà falisca (popolo affine agli etruschi) che porta a pensare che anche su questo sperone roccioso potesse sorgere un piccolo centro abitato. I primi documenti in cui si parla di Calcata risalgono al 772, periodo storico sotto il pontificato di Adriano I. Nel Duecento, Calcata visse la presenza della nobile famiglia degli Anguillana che eressero la cinta muraria e un castello. La sua posizione impervia e isolata ha protetto Calcata per lungo tempo però ne ha limitato notevolmente lo sviluppo.

Ben poco si conosce fino intorno al 1930 momento in cui il paese fu progressivamente abbandonato per i continui crolli portando gli abitanti ad edificare una Calcata Nuova nelle vicinanze.
 
Per molti anni Calcata rimase disabitata subendo un inevitabile degrado.
Le cose cambiarono quando negli anni ’60 una serie di perizie geologiche confermarono che la rupe si poteva considerare solida quindi il borgo poteva essere abitato.

Grazie al suo indiscutibile fascino, Calcata inizia a risorgere lentamente grazie ad artisti, artigiani ed intellettuali che qui si sono trasferiti da ogni parte del mondo in cerca di una dimensione di vita più genuina in contrapposizione ad mondo ormai orientato solo al consumismo.

COSA VEDERE A
CALCATA

veduta dal drone del borgo di Calcata
Visitare Calcata equivale ad un esperienza “fuori dal tempo”. Al suggestivo borgo medievale si accede solo a piedi e da un’unica porta che si apre tra le fortificazioni. Lo stretto passaggio porta subito alla piazza interna, un piccolo spazio su cui si affacciano la seicentesca chiesa del SS. Nome di Gesù e il Palazzo degli Anguillara (antica famiglia nobile che qui ha vissuto) con la torre ghibellina.
 
Da qui si inizia un percorso di visita che si snoda tra gli stretti e silenziosi vicoli del borgo. Le abitazioni che si possono osservare sono quasi tutte ben conservate, un recupero che ha saputo mantenere l’architettura del borgo dominato dal colore rossastro del tufo di cui sono costituite le case. In taluni casi gli interventi ha tolto o coperto la pietra a vista a favore del cemento.
 
Suggerisco di riservare tutto il tempo necessario per assaporare fino in fondo questo “tuffo nel passato” girovagando e scoprendo angoli suggestivi, antichi portali e resti di profferli (scale esterne d’accesso ai primi piani delle abitazioni).
 
Non mancano buie cantine e silenziose grotte, alcune chiuse da vecchi e consumati portoni oppure trasformate in botteghe o laboratori artigianali ed artistici. Diversi sono i punti perimetrali in cui si giunge sul baratro dove si ammirano tratti di case esterne, minuscole terrazze, piccoli passaggi e splendidi scenari naturali. C'è anche una piccola piazzetta chiusa tra le case con un Museo della Civiltà Contadina che si trova all'interno di quella che appare come una chiesina sconsacrata.
 
Il tutto è accompagnato da tanto verde di piante da vaso e rampicanti che con il loro colore si contrappongono al rosso delle facciate, segno di come i pochi abitanti hanno a cuore la bellezza del loro borgo.
 
Un vero e proprio “paradiso” non solo per fotoamatori e pittori paesaggisti ma per chiunque sappia cogliere la poesia della bellezza di luoghi come questi.
 
Calcata è tutta qui, una piccola perla medievale che al calare del sole con le prime luci della sera aumenta ancora di più il suo fascino e la sua “magia”.

CURIOSITA' SU
CALCATA

Non ho ritrovato curiosità, tradizioni o leggende specifiche su questo borgo.

SINTESI SU
 CALCATA

Non c’è dubbio che Calcata sia un borgo da visitare assolutamente evitando weekend e giorni festivi in cui è particolarmente affollata.
Grazie alla sua vicinanza a Roma, il borgo è facile da raggiungere come una escursione giornaliera.
 
Non ci sono monumenti o grandi chiese da visitare, c’è da assaporare i suoi silenzi, scoprire i suoi vicoli e il suo contesto storico ben conservato fatto da tanti piccoli angoli e particolari che la rendono davvero “magica”.



 VALUTAZIONE COMPLESSIVA


  Posizione del borgo
  Stato di conservazione
  Rispetto storico architettonico
  Cura e pulizia del borgo

GALLERIA FOTOGRAFICA BORGO
CALCATA

Tutte le foto e i video presenti in questa galleria sono di Roberto


panoramica dall'alto di Calcata

DOVE SI TROVA IL BORGO DI
CALCATA

NELLE VICINANZE DI
CALCATA

borgo di Caprarola
borgo di Mugnano
borgo di Vitorchiano

TI POTREBBE INTERESSARE

Viaggi

di Alisei

Video

di Alisei

Blog

di Roberto


NEWSLETTER ALISEI

Registrandovi alla Newsletter sarete sempre aggiornati sui borghi e sui castelli visitati da Roberto







CONDIVIDI QUESTA PAGINA

ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

Facebook

Il nostro sito Web ti consente di apprezzare o condividere i suoi contenuti sul social network Facebook. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Facebook: https://www.facebook.com/policy/cookies/

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

PInterest

Il nostro sito Web ti consente di condividere i suoi contenuti sul social network PInterest. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di PInterest: https://policy.pinterest.com/it/privacy-policy/