BORGO MEDIEVALE DI
BOLSENA

.
.
.
.
.
.

La cittadina di Bolsena con il suo borgo medievale, sorge su un colle alle pendici dei Monti Volsini, in bella posizione panoramica sul versante nord-orientale dell’omonimo grande lago.
centro storico Bolsena
Cuore del borgo di Bolsena in corrispondenza della Rocca

CENNI STORICI SU
BOLSENA

Le sue origini risalgono ai tempi degli etruschi i quali qui eressero un piccolo insediamento fortificato, poi, con l'espansione di Roma, l'insediamento rientrò nel costesto romano prendendo il nome di Volsinii che portò un periodo di prosperità tra il I ed il IV secolo d.C.  

Nella seconda metà del VI secolo d.C. , Bolsena venne rasa al suolo dai Longobardi e i superstiti delle terribili incursioni abbandonarono la città romana e costruirono un nuovo borgo, un primo nucleo abitato sulla rupe che ancora oggi ospita il quartiere medievale.  Alla fine della dominazione longobarda, Bolsena entrò a far parte dei possedimenti della Chiesa e la sua storia ha poi proceduto parallelamente a quella del Papato.

COSA VEDERE A
BOLSENA

porta secondaria borgo bolsena
Il centro storico si è ben conservato nei secoli e si presenta assai assai grazioso al visitatore anche se con troppe attività commerciali rivolte ai turisti che a Bolsena non mancano specie d'estate grazie alla pesenza di diverse strutture balneari attrezzate lungo il lago. La visita al borgo normalmente inizia dalla piazza princiaple in cui è presente anche il Comune, su un lato di essa si trova la porta di San Francesco, un arco progettato nel 1578. Superato l'arco ci si immette nel vicolo principale, molto suggestivo, curato ma anche molto turistico. Lungo questo vicolo si ammirano particolari anfratti, curati ingressi di case, piccoli vicoli cechi, ripide e strette rampe di scale finchè non si giunge in una piccola piazzetta in cui è presente la fontana di San Rocco che rimane sulla destra.

Questa fontana comunale, con i suoi bassorilievi  risalenti alla fine del 1400, prende il nome del Santo per ricordare il suo passaggio a Bolsena. Sullo stesso lato della piazza c'è una scalinata che porta verso la Rocca, questo è il percorso più interessante per scoprire il borgo. La stretta scalinata si snoda tra alte mura in pietra, sottopassaggi in pietra di antiche case fino a giungere ad una piccola porta che da l'accesso alla zona della Rocca. Poco dopo, sulla sinistra si scopre che c'è un'altro accesso al borgo (forse quello principale) con due porte consecutive separate da un breve tratta di strada. Tra queste due porte è presente un balcone che offre un bellissmo panorama sul borgo sottostante e sul lago. 

Finalmente si giunge alla parte alta del borgo prossimi alla sommità della collina, ed ecco che appare una piazzetta molto bella e caratteristica, circondata da edifici che si sviluppano su diverse altezze con la Rocca che domina l'area con la sua imponenza, facciate in pietra di diversi livelli, sbalzi, torrette con molti rampicanti e fiori (nella stagione estiva) e un grande palazzo oggi centro visite del Museo Territoriale del Lago di Bolsena.
salita al borgo di Bolsena

Percorrendo una breve ma bella scalinata, si raggiunge l'ingresso della Rocca Monaldeschi della Cervara fatta costruire sul finire del XIV secolo dalla famiglia Monaldeschi come roccaforte del loro dominio su Bolsena. La pianta della Rocca è a forma trapezoidale ed ai suoi angoli si innalzano quattro torri diverse tra loro, che rivelano l'originaria struttura gotica della costruzione.


All'interno della Rocca è presente il Museo Territoriale del Lago di Bolsena che custodisce reperti villanoviani, etruschi e romani rinvenuti nella zona. Sul fianco della Rocca si apre una semplice ma bella piazza che occupa la parte più alta del colle su cui sorge il borbo. Anche qui bellissima vista panoramica. Sulla piazza si affaccia la chiesa di San Salvatore del XV secolo in stile gotico la cui facciata è dominata da due possenti torri campanarie.

Tornando leggermente indietro, all'altezza della piazza della Rocca, si può visitare la zona più storica del borgo, trattasi di due vicoli paralleli separati da poche decine di metri che si sviluppano verso est per poi ricongiungersi all'altezza di un'altra antica porta d'accesso al borgo. Questa parte del borgo non è molto estesa ed è molto piacevole visitarla, pochi esercizi commerciali, tranquillità, decoro, rispetto delle tradizioni del borgo, molti balconi fioriti, pulizia e abitanti socievoli.


Mia recensione su Google Maps

CURIOSITA' DI
BOLSENA

In occasione della festa del Corpus Domini, il centro storico bolsenese viene tappezzato da un arazzo floreale che si snoda, per circa due chilometri, lungo tutto il percorso della processione, anche nei vicoli più stretti del quartiere medievale.  L'infiorata è una iniziativa di gruppi di cittadini che si impegnano, prima nella raccolta dei fiori, poi nella creazione delle decorazioni e nella faticosa esecuzione di esse. Per mantenere i fiori freschi e profumati, la raccolta avviene pochi giorni prima della festa e di prima mattina quando il sole è ancora basso e non fa caldo, poi vengono portati e conservati in luoghi freschi e oscuri, fino al momento in cui verranno utilizzati. Le specie più usate sono le ginestre, i fiordalisi, le acacie, i rosolacci, le ròse canine, il trifoglio, i fiori di cardo, il luppolo e le felci.

La Basilica di Santa Cristina è un complesso architettonico ubicato poco fuori all'attuale borgo storico anche se di antiche origini (X secolo), il corpo della Santa è qui custodito e la tradizione popolare narra che Cristina, figlia del prefetto Urbano, convertitasi alla fede cristiana contro la volontà del padre, venne da questi sottoposta a crudeli torture dalle quali la giovinetta usciva sempre indenne glorificando Dio. Morto Urbano, gli succedettero Dione e Giuliano che continuarono a tormentare Cristina nell'intento di farla abiurare, ma la fanciulla continuò ad uscire illesa dai martiri, fino a che una freccia le trapassò il cuore, un 24 luglio di un anno imprecisato, regnando Diocleziano.

SINTESI SU
BOLSENA

Bolsena è una località turistica molto conosciuta, piacevole, vivace con un bel lungolago che contrasta con la cementificazione delle zone più esterne dela cittadina. Il centro e il cuore del paese vale la pena di essere vistato, ha mantenuto molto dello spirito del borgo antico con magnifici scorci e viste specie nella parte più alta cioè quella che circonda la Rocca dove passeggiare tra i vicoli riporta indietro nel tempo.

Pochi gli abitanti che si incontrano come poche le attività commerciali. La Rocca è sicuramente un gioiello della città, curata e ben mantenuta.


 VALUTAZIONE COMPLESSIVA


  Posizione del borgo
  Stato di conservazione
  Rispetto storico architettonico
  Cura e pulizia del borgo
  Segnaletica turistica

GALLERIA FOTOGRAFICA BORGO
BOLSENA

Soffermando il mouse sulla foto appare la descrizione (su desktop)
---------------
Puoi vedere la galleria anche con il comodo Slideshow


SLIDESHOW


  • panoramica dal drone di Bolsena
  • porta s. Francesco di Bolsena
  • vicolo borgo Bolsena
  • vicolo borgo Bolsena
  • vicolo borgo Bolsena
  • scalinata borgo Bolsena
  • salita alla Rocca di Bolsena
  • sottopassaggio tra le case Bolsena
  • salita alla Rocca di Bolsena
  • cuore borgo Bolsena
  • piazzetta borgo Bolsena
  • Rocca Monaldeschi Bolsena
  • esterno Rocca Bolsena
  • palazzo signorile borgo Bolsena
  • porta pedonale borgo Bolsena
  • chiesa San Salvatore Bolsna
  • vicolo cuore borgo Bolsena
  • tra i vicoli del borgo di Bolsena
  • zona popolare borgo Bolsena

IMMAGINI RETRO'
BOLSENA

DOVE SI TROVA
BOLSENA

BORGHI e CASTELLI NELLE VICINANZE DI
BOLSENA

visita al borgo medievale di Celleno
Visita al borgo di Civita Bagnoregio
visita al borgo medievale Latera
visita al borgo medievale Montefiascone

TI POTREBBE INTERESSARE

Tutti i Viaggi

di Roberto

Album Tematici

foto a tema

Il Blog

di Roberto


NEWSLETTER ALISEI

Registrandovi alla Newsletter sarete sempre aggiornati sui borghi e sui castelli visitati da Roberto






CONDIVIDI QUESTA PAGINA