BORGO DI
CASTELLI
(Teramo - Abruzzo)



.



Un piccolo borgo del teramano abbarbicato su un alto costone roccioso per buona parte circondato da dirupi che un tempo rappresentavano una buona difesa naturale. Castelli è immerso nei vasti boschi ai piedi del massiccio del Gran Sasso e rientra nell’omonimo Parco Nazionale. Centro molto conosciuto per le sue ceramiche che vedono la presenza di molti laboratori distribuiti sia in paese che nel territorio circostante. Castelli fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia.

Castelli è stato pesantemente colpito sia dal sisma del 2009 che da quello più importante del 2016, Le conseguenze sono molto evidenti e hanno inciso profondamente sul borgo e sulla vita dei suoi abitanti.

COSA VEDERE A
CASTELLI

un vicolo del borgo di Castelli
Data la sua posizione, il borgo ha un solo accesso che da un lato è stato rinforzato da imponenti arcate in pietra. La strada provinciale che raggiunge il Castelli approda ad una specie di piazza che sembra tagliare in due l’abitato, da un lato quello più antico abbarbicato sullo sperone roccioso, dall’altro quello che sale lungo il fianco di una montagna. Nella stessa piazza si affaccia la chiesa di San Rocco risalente al XVII secolo la cui facciata è stata letteralmente rifatto negli anni ‘70 mantenendo solo il portale d'un tempo. La chiesa era chiusa in occasione della mia visita.

Sul fianco destro della chiesa un percorso pedonale a gradini porta alla parte del borgo che si sviluppa sul costone di un monte. Le abitazioni che si affacciano a questo vicolo sono in gran parte ristrutturate ma sono state mantenute alcune caratteristiche tipiche come i portali d’ingresso dove massicce porte in legno sono incastonate tra lesene lavorate sia in pietra classica che in pietra chiara. Alla fine della scalinata finisce anche questa parte del borgo.

Tornati nella piazzetta, si imbocca l’unica via che porta nel nucleo storico, un breve percorso in porfido in cui sono presenti alcuni locali commerciali. Pochi passi e si giunge a piazza Roma, piazza che sulla sinistra si apre su balcone con una bella visione sulle valli circostanti e su una parte del massiccio del Gran Sasso. Nella piazza si trova il Comune e la chiesa di San Giovanni Battista la cui facciata, ad elementi squadrati, appare un po’ soffocata dagli edifici circostanti. La chiesa appare ristrutturata di recente come gli edifici circostanti che richiamano poco lo stile di un borgo medievale.

Da piazza Roma si sviluppano tre vicoli pedonali paralleli (più un quarto veicolare) che conducono alla parte popolare del borgo. Questi vicoli non hanno una uscita perché terminano all’estremo punto dello sperone roccioso. Purtroppo uno di questi è chiuso perché il terremoto ha reso molte case inagibili e con pericolo di crolli. Anche gli altri due vicoli mostrano le ferite inferte dal sisma, diverse le case abbandonate, case puntellate, pochissime persone, negozi di ceramica chiusi (anche se qualcuno resiste) e un grande silenzio. Diversi i passaggi intermedi tra un vicolo e l’altro che risultano chiusi.

Anche in questa parte del borgo molte abitazioni hanno conservato i portali caratteristici in legno con imbotti o lesene in pietra di varia forma e disegno. Le facciate sono quasi tutte ristrutturate e poche quelle sono riuscite a conservare la tipica pietra a vista. L’impressione è che il borgo sia da tempo soggetto ad un progressivo abbandono che il terremoto ha solo accentuato.

La visita si conclude con un pizzico di amarezza nel vedere questo progressivo declino che investe Castelli come molti altri piccoli centri storici del nostro territorio.

Fuori paese si trova il Museo della Ceramica di Castelli ospitato in un antico convento francescano in posizione isolata. In occasione della mia visita era chiuso per ristrutturazione causa terremoto.

Ora non resta che raggiungere la frazione di S. Donato dove si trova con la sua particolare chiesa rupestre come descritto nel paragrafo successivo.

CHIESA DI
SAN DONATO
nelle vicinanze

il tetto a maioliche della chiesa di San Donato
Dopo la visita al borgo di Castelli si può proseguire imboccando al strada che porta al Gran Sasso.
Qualche chilometro e una deviazione sulla sinistra porta alla piccola frazione di San Donato dove si trova una chiesa rupestre diventata famosa per il suo soffitto maiolicato che per la sua singolarità è stato definito da Carlo Levi “la Sistina della Maiolica”.
In effetti si tratta di un’opera molto particolare e molto bella realizzata per devozione dagli artigiani locali della maiolica tra gli anni 1615 e 1617. La struttura del grande soffitto è costituita da travi che dividono le capriate spioventi in comparti dove sono allineate file di cinque mattonelle, trattenute da travicelli.
I temi rappresentati sono i più svariati, ci sono figure geometriche, disegni floreali, animali, emblemi nobiliari, personaggi, immagini sacre, ecc.
​La chiesa di San Donato di Castelli
La chiesa rurale di San Donato

CURIOSITA' SU
CASTELLI

La nascita della ceramica a Castelli si deve principalmente alle caratteristiche naturali del territorio, in particolare l'abbondante presenza di cave d'argilla, boschi di faggio per la legna dei forni, i corsi d'acqua, giacimenti di silice.

Questa tradizione sembra essere già praticata in epoca etrusca. La presenza dei monaci benedettini, che producevano oggetti di uso quotidiano, ha favorito il suo sviluppo che ha visto il punto massimo di splendore nel 1500 tanto da diventare una importante fonte economica di tutta la zona, aspetto che troviamo ancora ai giorni nostri.

SINTESI SU
CASTELLI

Un grazioso borgo montano posto in posizione invidiabile che il terremoto ha segnato in modo importante.
Questo ha accelerato l’abbandono che però non si è trasformato in degrado, il borgo è pulito e i pochi abitanti contribuiscono a mantenerlo decoroso.


 VALUTAZIONE COMPLESSIVA


  Posizione del borgo
  Stato di conservazione
  Rispetto storico architettonico
  Cura e pulizia del borgo
  Valorizzazione del borgo
  Segnaletica turistica

GALLERIA FOTOGRAFICA
CASTELLI

Tutte le foto e i video presenti in questa galleria sono di Roberto


La piazza a ridosso del borgo di castelli

DOVE SI TROVA
CASTELLI

NELLE VICINANZE DI
CASTELLI

Borgo di Atri
torrione di Canzano
vicolo di Notaresco
borgo di Pietracamela

TI POTREBBE INTERESSARE

Viaggi

di Alisei

Video

di Alisei

Blog

di Roberto


NEWSLETTER ALISEI

Registrandovi alla Newsletter sarete sempre aggiornati sui borghi e sui castelli visitati da Roberto






CONDIVIDI QUESTA PAGINA

ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

Facebook

Il nostro sito Web ti consente di apprezzare o condividere i suoi contenuti sul social network Facebook. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Facebook: https://www.facebook.com/policy/cookies/

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

PInterest

Il nostro sito Web ti consente di condividere i suoi contenuti sul social network PInterest. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di PInterest: https://policy.pinterest.com/it/privacy-policy/