BORGO MEDIEVALE DI
CASTELVETRO DI MODENA

.
.
.
.
.
.

Il piccolo borgo di Castelvetro di Modena si trova nel cuore dell’Emilia Romagna in un territorio famoso per la presenza della Motor Valley e per gli eccellenti prodotti enogastronomici. Il borgo è adagiato sulle prime colline dell’Appennino e nel 2003 è stato insignito della Bandiera Arancione dal TCI.
Veduta del centro storico di Castelvetro
Veduta del centro storico di Castelvetro

CENNI STORICI SU
CASTELVETRO

I primi cenni sull’esistenza di centro abitato risalgono all’epoca etrusca alla quale seguì la dominazione romana che ha lasciato diverse testimonianze nel territorio circostante oltre al nome di “Castrum Vetus” poi trasformato in Castro Vetere.
Alla decadenza dell’Impero Romano, anche questo territorio fu oggetto delle invasioni barbariche, un periodo alquanto oscuro e sanguinoso per la popolazione. Dopo una distruzione quasi totale il paese rinacque lentamente fino ad assumere la dimensione di castello. 
Anche in questi anni, inizi del IX secolo, furono molto sanguinosi per continue battaglie per la sua dominazione fino al 1330 quando divenne feudo della famiglia Rangoni.
A seguire Castelvetro iniziò ad assumere una sempre maggiore importanza banchè ferito gravemente da terremoti ed epidemie. Passata la dominazione francese, il castello entrò nella sfera degli Estensi fino all’Unità d’Italia.

COSA VEDERE A
CASTELVETRO

Torre delle Prigioni di Castelvetro di Modena
Il comune di Castelvetro è abbastanza esteso e il piccolo centro storico con il relativo borgo occupa la sommità di una piccola collina. Subito prima del borgo è presente un parcheggio auto molto comodo dal quale una dritta via conduce verso il centro.

Percorrendo questa via si incontrano alcune caseggiati colorati che sono stati completamente ristrutturati secondo criteri moderni e destinati a vari usi. In fondo alla via si intravede un massiccio torrione, la Torre delle Prigioni la quale annuncia la piazza principale del borgo. Appena giunti sulla piazza, subito si nota l’isolata Torre dell’Orologio leggermente pendente, unico elemento di spicco rimasto di quello che era il castello che subì molte trasformazioni dal XIII secolo. Sul fianco della torre è possibile osservare un tratto della cinta muraria di un tempo. Sull’ampia piazza si affaccia il Palazzo Comunale con un piccolo loggiato ad angolo con archi a sesto acuto anticamente noto come Palazzo del Secondogenito e abitato, a suo tempo, dalla famiglia Rangoni. Sempre sulla piazza, a fianco della Torre delle Prigioni, il grande e articolato Palazzo Rinaldi oggi residenza privata. Un lato della piazza oggi vede un ampio balcone panoramico e una pavimentazione recente a quadrettoni chiari e scuri che simulano una scacchiera. Con una visione a 360 gradi della piazza si nota che tutte le strutture appaiono ben conservate e con uno stile allineato tra loro.
 
Proseguiamo lasciando la piazza per imboccare una breve via che conduce ad una successiva piazza dominata dalla chiesa parrocchiale con la sua grande facciata e dal Palazzo Rangoni eretto nello stesso periodo in cui nacque il castello. Oggi il palazzo è destinato a vari usi ed esternamente dimostra una certa carenza di attenzione.
 
Da questa piazza si può proseguire su un vicolo che costeggia il lato destro della chiesa incontrando l'alto e slanciato campanile e alcune case che ormai hanno perso la connotazione del borgo essendo tutte trasformate in abitazioni moderne e dotate di varie comodità.
 
La visita è già finita, il centro storico non ha altro da offrire se non alcuni ottimi ristoranti, una acetaia comunale (siamo nella zona dell’aceto balsamico) e un curioso Museo Fili d’oro a Palazzo posto tra le due piazze del centro. (vedi  Curiosità di seguito).

CASTELLO DI
LEVIZZANO RANGONE
nelle vicinanze

Levizzano Rangone è una piccola frazione di Castelvetro di Modena e si trova a pochi kilometri dal capoluogo.  L’interesse per questa località è dovuto alla presenza di un castello.
Il cartello turistico presente sulla breve strada d’accesso, racconta che Levizzano (anticamente Livicianus) viene citato, per la prima volta, in un documento dell’890 che lo descrive come “corte con castello e due cappelle” una dedicata ai Santi Adalberto ed Antonino, entro le mura, e una dedicata a S. Michele, fuori le mura.

Probabilmente il castello fu eretto tra il IX e il X secolo con lo scopo principale di riparo dalle scorribande degli Ungari.
Osservandolo dall’esterno si nota la notevole fortificazione con un unico punto d’accesso a doppia porta. Una volta entrati sorprende l’ampio spazio su cui si sviluppa l’edificio principale e l’alta torre di guardia posta al suo fianco, Torre Matildica.  Probabilmente queste aree davano riparo non solo agli abitanti ma anche ad animali, attrezzature e riserve alimentari. L’insieme degli edifici ancora presenti è ben conservato.
 
L’interno del castello sembra visitabile ma in occasione della mia visita tutto era chiuso (secondo me da tempo ….). Sempre grazie alla segnaletica turistica locale, risulta che all’interno è presente una sfarzosa “Sala dei Vescovi” del XVI secolo con pregevoli affreschi, fregi, figure allegoriche e paesaggi.
Il castello di Levizzano visto dall'esterno

CURIOSITA' SU
CASTELVETRO

Nel cuore del centro storico, in posizione intermedia tra le due piazze principali è allestito il Museo Fili d’Oro a Palazzo, una esposizione permanente di abiti rinascimentale curata dall’Associazione Dama Vivente la stessa che si occupa delle rievocazioni storiche di Castelvetro.
 
Nel percorso espositivo si possono ammirare da vicino gli abiti usati durante le rievocazioni storiche, si possono apprezzare i preziosi ricami, le stoffe di seta, raso e velluto, cappelli piumati e acconciature, il tutto inserito all’interno di alcune sale del Palazzo  Rinaldi.
 
Il museo ha ottenuto il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

SINTESI SU
 CASTELVETRO

Il piccolo borgo di Castelvetro non offre molto. Tutti gli edifici di un certo interesse si concentrano nelle due piazze una vicina all’altra, anzi direi in un’unica piazza.

Nessun edificio storico è visitabile e la parte restante del borgo non ha più nulla di storico. Il borgo si presenta pulito e ordinato con una buona accoglienza turistica.


 VALUTAZIONE COMPLESSIVA


  Posizione del borgo
  Stato di conservazione
  Rispetto storico architettonico
  Cura e pulizia del borgo
  Segnaletica turistica

GALLERIA FOTOGRAFICA BORGO
CASTELVETRO di MODENA

Soffermando il mouse sulla foto, appare la descrizione (su desktop)

------------
Tutte le foto e i video presenti in questa pagina sono di Roberto


  • Veduta dall'alto del centro storico di Castelvetro di Modena
  • La via d'ingresso al borgo di Castelvetro
  • La piazza principale con la Torre dell'Orologio
  • Piazza principale Castelvetro con il Palazzo del Municipio
  • Castelvetro e la piazza principale
  • Palazzo Rinaldi Castelvetro
  • Centro Castelvetro d'inverno
  • La chiesa parrocchiale di Castelvetro
  • Interno della chiesa parrocchiale di Castelvetro
  • Un vicolo latarale con l'alto campanile di Castelvetro
  • Un vicolo sul fianco della chiesa Castelvetro
  • vicolo borgo Castelvetro
  • Castello di Levizzano Rangone dall'esterno
  • Interno del castello di Levizzano Rangone
  • veduta complessiva castello di Levizzano Rangone

DOVE SI TROVA IL BORGO DI
CASTELVETRO di MODENA

BORGHI e CASTELLI VICINI A
CASTELVETRO di MODENA

visita borgo di Monteveglio
visita borgo di La Scola
visita borgo di Castello di Serravalle

TI POTREBBE INTERESSARE

Tutti i Viaggi

di Roberto

Album Tematici

foto a tema

Il Blog

di Roberto


NEWSLETTER ALISEI

Registrandovi alla Newsletter sarete sempre aggiornati sui borghi e sui castelli visitati da Roberto






CONDIVIDI QUESTA PAGINA