BORGO DI
CASTROCARO TERME
(Forlì Cesena - Emilia Romagna)





.

Castrocaro Terme è rinomata come cittadina dalla lunga tradizione termale le cui origini risalgono al periodo etrusco oltre ad essere nota per il festival dedicato ai nuovi cantanti che qui si svolge ogni anno. Castrocaro Terme, assieme a Terra del Sole, formano un comune sparso e si fregiano della Bandiera Arancione assegnata dal Touring Club Italiano.

COSA VEDERE A
CASTROCARO TERME

Una porta del borgo di Castrocaro Terme
Quando si giunge nel centro cittadino da Forlì seguendo il lungo viale alberato, si viene accolti da una ampia piazza affiancata dallo storico Grand Hotel di Castrocaro Terme. Da qui si può iniziare la visita alla centro storico il quale si sviluppa su tre giri di mura progressivi in cui sono presenti anche alcuni edifici rinascimentali.

Basta superare la piazza principale seguendo la strada statale che conduce verso la Toscana. Poco dopo una strada sulla destra permette di raggiungere la chiesa romanica dei Santi Nicolò e Francesco (siamo ancora fuori dalle mura), chiesa che ha subito un recente restauro. L'interno, semplice e pulito, è composto da tre navate con due altari laterali, degno di nota un'opera del pittore forlivese Marco Palmezzano che rappresenta la Beata Vergine coi Santi Agostino e Antonio.

Nella piccola piazza antistante la chiesa non sarà sfuggita la presenza di una scalinata che conduce ad un passaggio sotto alcune abitazioni, è la Porta dei Ciardi che introduce nella parte più storica del borgo. Superata la porta (praticamente un passaggio sotto un edificio) si giunge ad un crocevia costituito da vicoli più che strade anche se vi transitano auto. Da qui può convenire svoltare a sinistra (in discesa) e visitare una parte del borgo che conduce a Porta S. Nicolò, oggi solo un sottopasso tra gli edifici. Sul fianco della porta si trova l’antica chiesa di S. Nicolò che sembra risalire al 1200. Essendo proprietà privata no è aperta ma la visita può essere richiesta alla locale Pro Loco.

Questa zona del centro storico non è di particolare interesse, strette vie su cui si affacciano edifici rifatti intonacati, diversi quelli di un triste colore grigio. Poche le abitazioni in cotto o in sasso. Un breve vicolo laterale conduce alla Porta pedonale di S. Giovanni alla Murata la quale permette di accedere al castello, una piccola e semplice porta in mattoni senza indicazioni turistiche …..
vicolo centro storico Castrocaro Terme

Tornati sull’incrocio visto in precedenza, di può seguire la stretta strada che sale sul colle la quale conduce alla fortezza. Poca strada da percorrere, strada su cui si affacciano edifici simili a quelli visti in precedenti a parte qualche pregevole recente recupero come il Palazzo del Bargello. Alla fine si giunge alla Porta Posterla, oggi un ampio ma semplice passaggio ad arco realizzato in laterizio lungo la cinta muraria più alta. Superata la porta si entra in quella che viene chiamata Murata o Cittadella, piccolo spazio rinascimentale in cui è presente il Battistero di San Giovanni alla Murata, un edificio cilindrico in pietra e cotto sovrastato da un piccolo campanile a vela, edificio trovato chiuso. A pochi passi si trova l’elegante Torre Campanaria, ricostruita nel 1500, la quale si affaccia sull’abitato offrendo così una bella visione panoramica.

Siamo ormai giunti in prossimità della Rocca che appare in tutta la sua imponenza. Purtroppo la Rocca era chiusa in occasione della mia visita. Dall’esterno si può apprezzare il buon recupero del maniero avvenuto intorno all’anno 2000. Un sintetico segnale turistico descrive l’interno che è composto da tre distinte opere architettoniche e difensive: il Girone, la parte più antica, la Rocca, espansione due-trecentesca del Girone, e gli Arsenali Medicei, ulteriore fortificazione rinascimentale ad opera di architetti militari fiorentina per adeguare le strutture fortificate alle sempre più potenti artiglierie.

Non c’è altro di storico da vedere a Castrocaro Terme, per cui ci si può spostare al vicino abitato di Terra del Sole.


CURIOSITA' SU
CASTROCARO TERME

Anche la Rocca di Castrocaro Terme ha le sue leggende e i suoi fantasmi. Tra le varie che si raccontano, quella di Margherita rappresenta un classico, quello del legame tra amore e morte.


Agli inizi del Duecento era in atto una sanguinosa lotta tra le famiglie consanguinee dei Conti Calboli di Forlì e dei Conti di Castrocaro. Nel 1253, per porre fine alle gravi inimicizie e ai numerosi delitti, papa Innocenzo IV autorizzò il matrimonio tra due giovani cugini appartenenti alle opposte famiglie: Guidone dei Calboli e Margherita dei Conti.
I genitori di Margherita non avevano però considerato i sentimenti della figlia, che amando un altro giovane, si oppose con tenace fermezza al matrimonio con il cugino Guidone. Nonostante il suo fermo rifiuto le opportunità politiche prevalsero sull’amore e la data delle nozze venne fissata. Pervasa da profondo dolore, Margherita decise di sacrificarsi gettandosi dalla torre più alta del castello in una notte ventosa e senza luna, ponendo così fine alla sua giovane e infelice vita.

Ancora oggi si racconta che in certe notti senza luna par di udire il suo pianto d’amore, che il vento porta a perdersi nella valle.

SINTESI SU
CASTROCARO TERME

A parte l'imponetene Rocca che domina Castrocaro Terme, il borgo antico non appare interessante e neanche stimolante, i pochi vicoli presenti vedono case ristrutturate in stile recente, a volte colorate e volte lasciate a un triste grigio senza un apparente criterio.

Praticamente assente la segnaletica turistica.


 VALUTAZIONE COMPLESSIVA


  Posizione del borgo
  Stato di conservazione
  Rispetto storico architettonico
  Cura e pulizia del borgo
  Valorizzazione del borgo
  Segnaletica turistica

GALLERIA FOTOGRAFICA
CASTROCARO TERME

Tutte le foto e i video presenti in questa galleria sono di Roberto


porta accesso cittadella Castrocaro terme

DOVE SI TROVA
CASTROCARO TERME

NELLE VICINANZE DI
CASTROCARO TERME

borgo di Brisighella
visita borgo di dozza
visita al borgo di Modigliana
borgo terra del sole

TI POTREBBE INTERESSARE

Viaggi

di Alisei

Video

di Alisei

Blog

di Roberto


NEWSLETTER ALISEI

Registrandovi alla Newsletter sarete sempre aggiornati sui borghi e sui castelli visitati da Roberto






CONDIVIDI QUESTA PAGINA

ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

Facebook

Il nostro sito Web ti consente di apprezzare o condividere i suoi contenuti sul social network Facebook. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Facebook: https://www.facebook.com/policy/cookies/

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

PInterest

Il nostro sito Web ti consente di condividere i suoi contenuti sul social network PInterest. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di PInterest: https://policy.pinterest.com/it/privacy-policy/