BORGO  DI
MONTE GIBERTO
(Fermo - Marche)

.
.
.
.
.
.
.

Del piccolo borgo di Monte Giberto non si conoscono le origini, sicuramente la zona era abitata sin dai tempi dei Piceni e poi dai Romani. In epoca medievale esistevano due Castelli, quello di Casale e quello dei Podio. Nel XIII sec. Monte Giberto venne sottomesso al dominio di Fermo, diventando un “Castello” con tanto di cinta muraria comprendente quattro torrioni, due dei quali ancora esistenti.

COSA VEDERE A
MONTE GIBERTO

Santuario di Maria SS. delle Grazie Monte Giberto
Giungendo a Monte Giberto dal mare, poco prima del centro abitato, si incontra una grande chiesa con ampio piazzale antistante. Si tratta del Santuario di Maria SS. delle Grazie. La chiesa risale al 1757 ed è stata edificata su una precedente chiesetta. Essa si contraddistingue per la facciata neoclassica a due ordini di cui quello inferiore (ingresso) consiste in un piccolo portico con 5 archi a tutto sesto.
 
L’interno a tre navate si presenta con uno stile misto tra tardo barocco e neoclassico, molti i marmi policromi presenti in particolare verso l’altare maggiore. Quest’ultimo custodisce una piccola statua della Madonna delle Grazie oggetto di venerazione, l’abside e la volta presentano diversi affreschi di diversi autori, quasi tutte opere del secolo scorso.
 
Lasciata la chiesa, si raggiunge velocemente il borgo, nel breve tratto stradale si costeggia un tratto della cinta muraria oggi sormontata da abitazioni private. Poco prima dell’ingresso al borgo è possibile lasciare l’autovettura in un piccolo parcheggio. La visita può iniziare seguendo la strada principale che taglia in due il centro abitato. Subito la strada si trasforma in vicolo in un punto dove probabilmente un tempo era presente una porta fortificata d’ingresso. Si prosegue in leggera salita affiancati da case in cotto, poche le perone che si incontrano, diverse le case che appaiono chiuse. Sulla destra si apre una piazza, uno slargo tra le case oggi utilizzato come parcheggio auto. Proseguendo si intravedono stretti vicoli a destra e a sinistra fintanto che si giunge su un altro slargo dove si trova un bar, l’unico esercizio commerciale del borgo. Manca poco per raggiungere la piazza principale, probabilmente il cuore dell’antico Castello. In evidenza la grande chiesa parrocchiale di San Nicolò che risale al 1090, chiesa che è stata ricostruita completamente nel 1746. La facciata in cotto si sviluppa in due ordini che sono separati da un cornicione marcapiano a sbalzo. Durante la mia visita la chiesa era chiusa. Sul fianco il palazzo comunale in stile più recente da poco restaurato con facciata in cotto. Sul fianco sinistro della chiesa uno slargo conduce ad un piccolo balcone con una bella visione sulle colline e sulle valli circostanti.
 
Dalla piazza si può scendere sulla destra dove si incontra subito la chiesa di San Giovanni Battista del XIII secolo, chiesa la cui facciata appare un po’ chiusa tra le case circostanti, anche questo edificio religioso era chiuso in occasione della mia visita.
 
A questo punto non rimane che concludere la visita a Monte Giberto percorrendo i vicoli laterali alla via principale del borgo dove si possono osservare alcuni angoli caratteristici e raggiungere i punti in cui si possono intravedere i due torrioni delle cinta muraria restaurati, dico intravedere perché sono visibili solo in parte visto che ormai sono stati integrati con le abitazioni circostanti.

BORGO DI
GROTTAZZOLINA
nelle vicinanze

Vicolo Castello di Azzolino Grottazzolina
Non lontano da Monte Giberto si trova Grottazzolina,  comune nel quale è presente un piccolo borgo. Grottazzolina è stata fondata dai monaci Farfensi i quali edificarono il Castello, il primo nucleo abitativo del paese. Il cuore del centro storico oggi è racchiuso nel piccolo Castello di Azzolino di cui si possono ancora vedere le mura che lo circondano completamente. 
Lasciando l’auto nel grande piazzale dove si trova anche la chiesa di S. Giovanni Battista, si può salire al castello da alcune stradine, alcune pedonali che si snodano tra le case fino a raggiungere la piazza superiore. In realtà non c’è molto da vedere, sia per le dimensioni contenute sia per l’assenza di particolari monumenti o edifici. Si tratta di un insieme di case che si sviluppano intorno ad una piazza con qualche vicolo laterale, diverse sono le case che appaiono chiuse e non abitate, la conservazione degli edifici è buona così come la pulizia.
A Grottazzolina ci sono due chiese abbastanza importanti più che altro per le opere conservate al loro interno, la chiesa di S. Giovanni Battista risalente al 1684 (citata prima) e la Chiesa del S.S. Sacramento e Rosario del 1768. Io ho trovato entrambe chiuse.
Castello di Azzolino a Grottazzolina
Alcune case del Castello di Azzolino a Grottazzolina

CURIOSITA' SU
MONTE GIBERTO

Non ho ritrovato curiosità, tradizioni o leggende specifiche su questo borgo.

SINTESI SU
MONTE GIBERTO

Piccolo e senza particolare interesse questo borgo, però si dimostra pulito e ben conservato con edifici ristrutturati che hanno saputo mantenere l’armonia architettonica del borgo.

Inevitabile lo spopolamento a cui è soggetto anche Monte Giberto come tante altre realtà simili.



 VALUTAZIONE COMPLESSIVA


  Posizione del borgo
  Stato di conservazione
  Rispetto storico architettonico
  Cura e pulizia del borgo
  Valorizzazione del borgo
  Segnaletica turistica

GALLERIA FOTOGRAFICA BORGO
MONTE GIBERTO

Tutte le foto e i video presenti in questa galleria sono di Roberto


Monte Giberto visto dal drone

DOVE SI TROVA IL BORGO DI
MONTE GIBERTO

NELLE VICINANZE DI
MONTE GIBERTO

borgo di Monte Vidon Combatte
borgo di Montottone
borgo di Petritoli

TI POTREBBE INTERESSARE

Viaggi

di Alisei

Video

di Alisei

Blog

di Roberto


NEWSLETTER ALISEI

Registrandovi alla Newsletter sarete sempre aggiornati sui borghi e sui castelli visitati da Roberto






CONDIVIDI QUESTA PAGINA

ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

Facebook

Il nostro sito Web ti consente di apprezzare o condividere i suoi contenuti sul social network Facebook. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Facebook: https://www.facebook.com/policy/cookies/

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

PInterest

Il nostro sito Web ti consente di condividere i suoi contenuti sul social network PInterest. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di PInterest: https://policy.pinterest.com/it/privacy-policy/