BORGO MEDIEVALE DI
VARESE LIGURE
(La Spezia - Liguria)

.
.
.
.
.

Immerso nel verde di valli e boschi nell’Appennino spezzino, questo borgo medievale sorge in posizione strategica all’incrocio di alcune strade transappenniniche nell’alta val di Vara. Qui il tempo scorre lentamente e si respira un’aria di tranquillità e pace. Poche sono le persone che si incontrano percorrendo i portici presenti in tutto il borgo rotondo che i cartelli della locale proloco definiscono come “Borgotondo”. 
centro storico varese ligure
Alcune colorate abitazioni nel cuore del borgo

CENNI STORICI SU
VARESE LIGURE

Questo borgo “rotondo” nasce nel XIII secolo grazie ai conti Fieschi che furono investiti del titolo di feudatari dall’imperatore Federico I. L’idea dei Fieschi era quella che il borgo fungesse anche da fortificazione per cui il progetto portò alla realizzazione di una serie di edifici in muratura, senza aperture esterne, secondo un disegno ellittico. Poco dopo sorse anche il castello con la sua alta torre e il torrione cilindrico ancora oggi visibili. Con il trascorrere del tempo le cose cambiarono e il castello perse la sua funzione militare e venne usato come carcere.

COSA VEDERE A
VARESE LIGURE

visione dal drone varese ligure
La visita inizia dalla piazza principale del paese esterna al borgo antico qui primeggia quanto rimane del castello dei Fieschi, un edificio militare di cui oggi si può ammirare la possente torre offensiva e la torre più piccola a forma cilindrica. Entrambi gli edifici sono stati ben restaurati e mantenuti e attualmente sono di proprietà privata ma vengono concessi per ospitare eventi, mostre e manifestazioni. Portandosi alle spalle di queste due fortificazioni si può imboccare il vicolo mediano dell’antico borgo rotondo, vicolo che in origine non esisteva e creato successivamente.

Caratteristico lo scorcio iniziale con le scale che portano ai piani superiori, lo stretto vicolo sormontato da diverse architravi di rinforzo con i due portici laterale, bassi a dalle ampie volte. Alla fine del vicolo si apre un piccolo slargo dal quale si inizia ad appezzare anche dal basso la struttura ellittica del borgo.

Sul lato sinistro si trova un tratto che rispecchia maggiormente quella che doveva essere la versione originale, un vicolo strettissimo affiancato da un ampio portico interno su cui si affacciano cantine e magazzini mentre le abitazioni sono poste ai piani superiori. Un cartello ricorda il punto in cui sorgeva il palazzo del Capitano, oggi un cortile trasandato che ben poco ricorda la presenza di una dimora di rango.

L’altra parte del borgo è quella che ha subito più trasformazioni, gli edifici si affacciano ad una piazza interna in cui si svolgeva il mercato. L’architettura è sempre la stessa, ampi portici con magazzini mentre le abitazioni si sviluppano ai piani superiori. Qui l’intervento più recente si nota, le facciate sono colorate con piacevoli caldi colori alternati creando un effetto simile a quello di molti borghi marini molto noti in questa zona (cinque terre).

Il borgo rotondo è molto caratteristico e abbastanza piccolo per cui ben presto si ritorna alla piazza principale dove si trova il castello. Sulla stessa piazza si affaccia la chiesa dedicata a San Filippo Neri e Santa Teresa d’Avila, chiesa che fa parte del Convento delle Monache Agostiniane che attualmente chiuso per mancanza di monache e vocazioni. La chiesa non offre spunti di particolare interesse, si presenta in stile barocco con un altare maggiore arricchito da colonne in marmo verde con al centro un gruppo ligneo della Madonna di Caravaggio.

A due passi dal centro del paese scorre il piccolo torrente Crovana che poi confluisce nel fiume Vara. Su questo torrente è ancora presente il cinquecentesco ed elegante Ponte di Grexino che collega il centro del paese con il piccolo quartiere Grecino.

Mia recensione su Google Maps

CURIOSITA' DI
VARESE LIGURE

Varese Ligure è stato il primo comune italiano ad ottenere le certificazioniambientali (ISO 14001 e EMAS) e nel 2004 è stato premiato dall’Unione Europea come migliore comunità rurale. Ha ottenuto la bandiera arancione dal Touring Club Italiano ed è annoverato tra i borghi più belli d'Italia.
 
Tradizioni e credenze popolari del passato ;
 
- Quando non pioveva da molto tempo, si usava bagnare i piedi alla statua seicentesca della Madonna del Castello, posta in una nicchia rivolta verso la piazza.
 
- I gusci delle uova utilizzate per fare i ravioli durante il periodo del Carnevale, venivano conservati in casa tutto l’anno perché dovevano preservare l’abitazione da eventuali incendi.
 
- Quando si pensava che una donna “portasse male”, se questa entrava in una casa, chi vi abitava copriva gli eventuali recipienti che contenevano del latte per paura che quest’ultimo andasse a male.

SINTESI SU
VARESE LIGURE

Varese Ligure è un piccolo ma caratteristico borgo, pulito e ordinato che merita di essere visitato. La sua caratteristica si apprezza meglio dall’alto (vedi le foto/riprese dal drone) , ma anche percorrendolo a piedi si apprezza bene questa sua particolarità. Molte sono le parti rifatte con uso abbondante di intonaco che finisce per coprire l’antica struttura muraria che è stata valorizzata solo in parte. Discreto lo stato di conservazione generale e questo sicuramente grazie al fatto che il borgo è ancora abitato quindi vivo. 


 VALUTAZIONE COMPLESSIVA


  Posizione del borgo
  Stato di conservazione
  Rispetto storico architettonico
  Cura e pulizia del borgo
  Segnaletica turistica

GALLERIA FOTOGRAFICA BORGO
VARESE LIGURE

Tutte le foto e i video presenti in questa galleria sono di Roberto


Piazza interna borgo Varese Ligure

DOVE SI TROVA
VARESE LIGURE

BORGHI e CASTELLI NELLE VICINANZE DI
VARESE LIGURE

visita borgo Lavaggiorosso
visita al borgo di Compiano

TI POTREBBE INTERESSARE

Tutti i Viaggi

di Roberto

Album Tematici

foto a tema

Il Blog

di Roberto


NEWSLETTER ALISEI

Registrandovi alla Newsletter sarete sempre aggiornati sui borghi e sui castelli visitati da Roberto






CONDIVIDI QUESTA PAGINA