LE CASCATE DI IGUAZU'

Le cascate più belle e spettacolari del mondo
Definite come "una delle sette meraviglie naturali del mondo", queste grandi cascate si trovano nel punto più a nord dell'Argentina alla confluenza tra il Rio Parà ed il Rio Iguazù sul confine con Brasile e Paraguay.  Non è facile per nessuno descrivere questo spettacolo naturale e le emozioni che esso genera non ultima quella di essere testimone della potenza e della magnificenza della natura.

INFO SULLE CASCATE DI IGUAZU'

Alcuni dati per dare delle indicazioni su questa meraviglia ; le cascate si sviluppano per oltre 2 Km con 275 salti per una altezza di circa 70 metri dalle rocce formate da un flusso lavico primordiale che qui si fermò a suo tempo. La portata complessiva delle cascate varia durante l'anno in base alla stagione, nella stagione secca (l'inverno in Argentina) si scende a valori intorno ai 1.200 metri cubi al secondo per raggiungere valori di vicini a 4.000 metri cubi al secondo (4 milioni di litri al secondo) nella stagione delle piogge. In inverno la minore quantità d'acqua attenua la bellezza delle cascate, nel periodo di maggiore portata viene sollevato troppo vapore che riduce di molto la visibilità, l'ideale è visitare le casate nelle stagioni intermedie. 

Uno dei 275 salti delle cascate
Uno dei 275 salti delle cascate
L'acqua scende sempre con tanto impeto
L'acqua scende sempre con tanto impeto

VISITA ALLE CASCATE DI IGUAZU'

Le cascate di Iguazù si trovano a cavallo tra Argentina e Brasile. Il lato argentino è quello più ampio e spettacolare per cui è consigliato prima visitare quello brasiliano, dedicando una mezza giornata che si rileva più che sufficiente. Per muoversi tra le due sponde è necessario passare il confine tra i due stati con inevitabili procedure di controllo passaporti e ticket. Il lato brasiliano delle cascate si raggiunge facilmente in macchina, una strada di circa 1,5 Km permette di giungere in un punto panoramico dal quale partono una serie di percorsi pedonali che permettono di avvicinanrsi ai punti in cui ci sono i salti più interessanti. Il punto più bello e coinvolgente è quello proprio sotto la principale cascata denominata Garganta del Diablo, una gola semicircolare che rappresenta il baratro più spettacolare. Questo primo contatto con le cascate lascia il visitatore senza fiato, la scena è difficilmente descrivibile, il rumore è assordante, c’è una grande quantità di vapore e tanta ma tanta acqua che scende impetuosa.
Terrazza sul fianco della Garganta del Diablo
Terrazza sul fianco della Garganta del Diablo
Una bella vista di un tratto delle cascate
Una bella vista di un tratto delle cascate
Una bella vista d'i un tratto delle cascate
Garganta del Diablo la gola più spettacolare
Garganta del Diablo è il primo salto delle cascate
Garganta del Diablo è il primo salto delle cascate
Il lato argentino delle cascate si raggiunge entrando nel Parco Nazionale di Iguazù, creato per preservare una delle ultime porzioni di selva umida subtropicale dell'Argentina. Entrati nel parco si arriva al centro di accoglienza dove inizia il percorso per raggiungere le cascate. Si può affrontare questo percorso di qualche kilometro a piedi (su sentieri obbligati) o utilizzando un trenino a scartamento ridotto, sempre pieno di turisti specie all'andata con code, a volte, di ore, per cui si consiglia di arrivare di buon mattino appena apre il parco.
Il trenino che porta alle cascate sul lato argentino
Il trenino che porta alle cascate sul lato argentino
In viaggio nel Parco verso le cascate
In viaggio nel Parco verso le cascate

Dopo questo piacevole percorso nella foresta lussureggiante, si giunge al capolinea dove iniziano i percorsi a piedi su lunghe passerelle che permettono di passare sopra le acque del fiume e raggiungere i vari punti di osservazione in prossimità dei salti. Questa visita impegna diverse ore e non solo per le distanze da coprire per raggiungere i vari punti ma soprattutto per il fascino che lo spettacolo esercita, si vorrebbe rimanere per ore ad ammirare a breve distanza la potenza e la grandezza della natura.

Taluni percorsi si avvicinano molto ai salti anche a quelli più spettacolari, sembra quasi di toccare l'acqua che cade sempre con violenza. E' necessario dotarsi di impermeabili, copri capi, protezioni per macchine fotografiche e/o apparati elettronici, per la notevole presenza di spruzzi e grandi quantità di vapore acqueo. Ma ne vale la pena e come se ne vale la pena, in questi punti così vicini ai salti delle cascate il rumore dell'acqua è molto alto, il vapore ti penetra sotto i vestiti, devi toglierti gli occhiali (se li porti) se vuoi vedere qualcosa ma non vorresti andartene, vieni rapito dalla visione e dall'ammirazione dello spettacolo che si sta manifestando sotto i tuoi occhi.

In viaggio nel Parco verso le cascate
Ogni punto d'osservazione è uno spettacolo
Un punto particolarmente interessante
Un punto particolarmente interessante 
I percorsi pedonali arrivano nei punti più spettacolari
I percorsi pedonali arrivano nei punti più spettacolari
Preparati per una visita con tanti schizzi d'acqua
Preparati per una visita con tanti schizzi d'acqua

Nel lato argentino, il fronte delle cascate è lungo circa 2Km e non è mai visibile completamente, solo in alcuni punti dei percorsi, vapore permettendo, si riescono ad ammirare tratti di 7-800 metri. Dopo 3-4 ore di questa visione si rientra (a piedi o con il trenino) con la consapevolezza di aver visto uno spettacolo unico nel suo genere. Benché costosa, c'è anche la possibilità di una escursione in elicottero che da l'opportunità di vedere dall'alto l'insieme delle cascate, escursione che dura pochi minuti volo ad una altezza di sicurezza per evitare le turbolenze generate dalla risalita dei vapori e ridurre l'inquinamento acustico.

Veduta della cascate dall'elicottero
Veduta della cascate dall'elicottero
Un ultimo saluto alla gola Garganta del Diablo
Un ultimo saluto alla gola Garganta del Diablo

LA LEGGENDA DELLE CASCATE DI IGUAZU'

Come spesso avviene, le grandi meraviglie naturali hanno sempre affascinanto gli uomini tanto che in passato tali meraviglie venivano associate ad avvenimenti a cavallo tra il reale e il fantastico creando così delle leggende.

Anche queste cascate non sono da meno e la leggenda che le avvolge racconta :


Un tempo, la zona dove oggi si trovano le cascate dell'Iguazú, apparteneva agli indiani Guarani. Questa popolazione adorava una divinità chiamata Mboi, un gigantesco Dio Serpente che viveva nel fiume. Era consueto che ogni anno una giovane fanciulla della tribù venisse sacrificata al Dio Serpente, sacrificio che avveniva gettando nel fiume la povera ragazza predestinata.


Nella tribù viveva Naipi, una bellissima ragazza promessa sposa a un giovane guerriero di una tribù vicina di nome Taruba. Essa non era destinata al sacrificio però pochi giorni prima del matrimonio la fanciulla fu notata dal Dio Serpente mentre passeggiava lungo il fiume. Rapito dalla sua bellezza, il Dio Serpente chiese che fosse lei la ragazza da sacrificare. Gli anziani del villaggio non vollero contraddire Mboi per cui decisero di sacrificare Naipi il giorno prima delle nozze.


Il promesso sposo Taruba venne a conoscenza della decisione degli anziani e decise di rapire Naipi di cui era follemente innamorato. La fuga degli amanti avvenne su una canoa cercando di scappare attraverso il fiume.

Il Dio Serpente si accorse di quello che stava avvenendo e si mise ad inseguire la canoa e nel tentativo di fermare i due amanti diede un grande colpo con la sua grande coda creando una profonda spaccatura nel terreno dando così vita alle cascate di Iguazù. A questo punto la canoa degli innamorati cadde nella cascata, il giovane Taruba fu scagliato sul lato nord (lato brasiliano) mentre la fanciulla cadde nella Gola del Diavolo (lato argentino). Mentre questo accadeva, il Dio Serpente trasformò la ragazza in una roccia sul lato argentino, per salvarla da una morte certa e per punire il ragazzo lo trasformò in una palma in modo che non potesse raggiungere la sua sposa.


Per l'eternità i due amanti sono così separati, il ragazzo come una palma sul lato brasiliano delle cascate e la ragazza come il grande scoglio che giace sopra la gola del diavolo sul lato argentino. In questo modo i due innamorati sono condannati a contemplarsi per l'eternità, senza poter mai più stare insieme.

ARTICOLI CORRELATI

Gola dell'Infernaccio

visita alla gola dell'infernaccio
Visita alla bella e selvaggia gola dell'Infernaccio nei Monti Sibillini delle Marche con escursione all'eremo di San Leonardo

Gola del Furlo

visita alla gola del furlo
Visita alla splendida gola del Furlo che si sviluppa tra alte pareti rocciose e bellissimi scenari naturali, una passeggiata per tutti

Seychelles sconosciute

spiagge delle seychelles sconosciute
La bellezza delle spiagge delle Seychelles è nota, però spesso vengono tralasciate quelle "minori" e poco conosciute che nulla hanno da invidiare alle più note e blasonate

Lago Argentino

tour lago argentino
Crociera naturalistica a contatto con i ghiacciai Upsala e Spegazzini e con i tanti iceberg che si trovano sul lago Argentino in Patagonia

VIAGGI ALISEI IN EVIDENZA

  • Il fascino e i colori africani

    Dettagli...
  • Gli scenari naturali americani

    Dettagli...
  • Gli splendidi arcipelaghi asiatici

    Dettagli...
  • La bellezza delle isole greche

    Dettagli...

TI POTREBBE INTERESSARE

I Borghi

di Roberto

Album Tematici

foto a tema

Tutti i Viaggi

di Roberto


NEWSLETTER di ALISEI


Registrandoti alla Newsletter riceverai aggiornamenti sui viaggi e sui post di Roberto